Scienza: opere d'arte e realtà virtuale potenziano le terapie neuroriabilitative

Scienza: opere d’arte e realtà virtuale potenziano le terapie neuroriabilitative

Le opere artistiche aiutano i pazienti con una lesione del sistema nervoso causata da un ictus ad eseguire esercizi di neuroriabilitazione in un ambiente virtuale.

Lo ha dimostrato uno studio della Fondazione Santa Lucia Irccs in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e Unitelma Sapienza, i cui risultati sono stati appena pubblicati sulla rivista Frontiers in Psychology.

La ricerca, a cui hanno collaborato anche ricercatori dei dipartimenti di Psicologia e di Ingegneria meccanica e aerospaziale della Sapienza e di Unitelma Sapienza, ha unito i grandi capolavori dell’arte alla tecnologia della realtà virtuale per potenziare l’efficacia della neuroriabilitazione a favore di persone che, a seguito di un ictus, hanno subito danni neurologici gravi che comportano la riduzione o la perdita dell’utilizzo di un braccio o di un lato del corpo (emiplegia).

All’interno di un ambiente di realtà virtuale è stato chiesto ai pazienti di muovere un cursore su una tela virtuale di fronte a loro utilizzando la mano del lato del corpo paralizzato a causa della lesione al cervello. I movimenti sulla tela scoprivano l’immagine di un capolavoro artistico, ad esempio la Creazione di Adamo di Michelangelo, la Venere di Botticelli (nella foto di copertina) o i Tre Musicisti di Picasso, restituendo, al termine dell’esercizio quando il cursore aveva percorso l’intera tela, l’opera completa.

Top